COME OCHE IN VOLO, INSIEME PER RAGGIUNGERE LA META (tempo medio di lettura 2'30") - Alberto pensa - Alberto Gaffuri

Vai ai contenuti

Menu principale:

COME OCHE IN VOLO, INSIEME PER RAGGIUNGERE LA META (tempo medio di lettura 2'30")

Pubblicato da in Alberto il coach ·
Che cosa fa un’oca quando vola in gruppo? Starnazza all’indirizzo di quelle che la precedono all’unico fine di sostenerle. Un comportamento istintivo, naturale, figlio della consapevolezza innata che al di fuori dello stormo il suo viaggio diventerebbe estremamente pesante, addirittura troppo per essere portato a compimento con successo.
Il suo schiamazzo è un’evidente forma di incoraggiamento, semplice quanto funzionale a spingere le compagne di viaggio a mantenere la giusta andatura fintantoché il loro turno sarà compiuto; a quel punto, quelle che volano dietro le sostituiranno e lo stesso meccanismo si ripeterà più e più volte, fino al raggiungimento della meta.
Le oche selvatiche, quando si approssima la stagione fretta, si muovono verso sud. Da sole? No, rigorosamente in gruppo e con una formazione classica, a V, che nasce dalla necessità di risparmiare energie in fase di volo, giocando l’una sulla collaborazione dell’altra, e viceversa.
Il trucchetto è spiegato in poche battute: quando un volatile sbatte le ali, il movimento produce una spinta ascendente per quello alle sue spalle. Ciò fa sì che, volando a V, l’autonomia dello stormo aumenti del 71% rispetto a quella che avrebbe un singolo esemplare volando in solitaria. La controprova è immediata: quando un’oca si stacca dalla formazione sente subito un differenziale aerodinamico che la spinge a rimettersi in gruppo, scelta che si rivela di vitale importanza per riuscire a proseguire il viaggio senza intoppi.
Applicato alla nostra società, il senso è semplice: quando condividiamo una direzione comune basata su un forte legame di comunità arriviamo prima al traguardo prefissato. Questo perché anche noi viaggiamo l’uno sulla spinta dell’altro, giovandoci del suo sostegno e al contempo stimolandolo a dare il massimo che può, a prescindere da ciò che questo significhi in termini assoluti.




Nessun commento

Torna ai contenuti | Torna al menu