UN TAGLIO AI CONTATTI INUTILI, LA RICETTA PER NON IMBRUTTIRCI (tempo medio di lettura 2'40") - Alberto pensa - Alberto Gaffuri

Vai ai contenuti

Menu principale:

UN TAGLIO AI CONTATTI INUTILI, LA RICETTA PER NON IMBRUTTIRCI (tempo medio di lettura 2'40")

Pubblicato da in Alberto il coach ·
Tags: #coronavirus#imbruttirsi#
Sedere nella stanza dei bottoni non è affar semplice, tantomeno incarico adatto a tutti. Dalla tastiera di un telefonino, specie se non si ha alcun compito di responsabilità (e, magari, non lo si ha mai avuto nella vita) per risolvere i problemi è sufficiente spararla grossa. Sì, più la soluzione è fuori scala, più si intercetta l’applauso di chi, tra l’annoiato e l’arrabbiato, non ha alcuna voglia di riflettere su ciò che certamente ha condiviso, probabilmente letto, sicuramente non analizzato. E' così, e non ci si può far niente.
Ai tempi del coronavirus, il fiume di notizie è tale che, sebbene si sia costretti a casa, è praticamente impossibile trovare il tempo per starci dietro.
Infinitamente più semplice è affidarsi al video del capopopolo di turno, girare e rigirare pensieri di chi non si sa nemmeno chi sia, intasare la rete di sproloqui, fregnacce di vario tipo e natura, inviti a questa o quell'altra catena di Sant'Antonio. Queste ultime, per lo meno, non fanno male ad alcuno; tutto il resto, però, sì, e pure tanto, perché ci consegna una realtà che non è quella reale, ma una raffigurazione distorta piena di astio, cattiveria, codardia e chi più ne ha più ne metta.
Per uscire da tutto 'sto casino, è bene mettercelo in testa, ci vorrà del tempo. Tanto tempo, più di quello che fino a oggi ci ha fatto spaventare. In questo contesto, che riguarda buona parte dell'Europa, vomitare livore contro chi, dal locale al nazionale, sta provando a tirare le fila di un'emergenza epocale mai vista dal Dopoguerra in poi e nemmeno immaginabile prima che ci investisse (così non fosse, saremmo stati tutti pronti), è un esercizio quasi inutile. Forse aiuta chi lo pratica a scaricarsi un tantino; di contro, è contagioso tanto quanto il virus che ci fa paura perché, involontariamente, ci imbruttisce. Per difenderci da entrambi, la medesima ricetta: tagliare i contatti inutili e tanta fiducia in chi ne sa più di noi, medici in primis. Il resto lo farà il naturale desiderio di non guardare più il mondo da una finestra.




Nessun commento

Torna ai contenuti | Torna al menu