A MONTE A VALLE, PURCHE' LA TANGENZIALE DI COMO NON RIMANGA SOLTANTO UN (BUON) PROPOSITO - Alberto pensa - Alberto Gaffuri

Vai ai contenuti

Menu principale:

A MONTE A VALLE, PURCHE' LA TANGENZIALE DI COMO NON RIMANGA SOLTANTO UN (BUON) PROPOSITO

Pubblicato da in Alberto e la politica ·
C'è una città, Como, che dal 2006 attende invano un colpo. C'è un territorio tutt'attorno - quello che da Lipomo si spinge fino ad Albese con Cassano - che si interroga su un'opera, la Tangenziale di Como, il cui 2° Lotto è fermo al palo ormai da troppo tempo. Negli anni se ne sono sentite tante. Pure troppe, verrebbe da riderci sopra. Era il 2008 quando si raccontò di un doppio tunnel da 859milioni di euro pronto a collegare il capoluogo ad Albese; fu di qualche anno dopo la proposta-choc di puntare su una nuova autostrada tra Varese, Como e Lecco, una fetta della quale potesse aggirare l'imbuto di Lipomo, risolvendo il problema dei pendolari da e verso la Convalle. Nel 2015, infine, fu uno studio preliminare della Provincia di Como che, pur senza i crismi della scientificità, provò a identificare una sorta di variante all'unico vero progetto definitivo fin qui mai realizzato (quello del 2008, per intenderci) a valle del lago di Montorfano.  Martedì 19 aprile 2016, a Milano, l'ennesimo incontro. A promuoverlo Regione Lombardia che, in una risoluzione votata lo scorso 24 novembre, si impegnò (punto v del documento) "a prevedere l'aggiornamento della salvaguardia urbanistica del completamento della Tangenziale di Como (...) secondo il tracciato che sraà condiviso con gli enti territoriali (...) attraverso una nuova progettazione da realizzarsi entro sei mesi (...)".
Della discussione al quinto piano di Palazzo Lombardia emergono chiaramente le posizioni degli enti coinvolti (Provincia e Comune di Como, Comuni di Albavilla, Albese con Cassano, Capiago Intimiano, Casnate con Bernate, Lipomo, Montorfano, Orsenigo, Senna Comasco e Tavernerio). Il primo passo - sostenuto dal sindaco di Como, Mario Lucini, è all'insegna del pragmatismo. Prima di investire altro denaro nella progettazione di dettaglio della variante del Lotto 2 (Como-Orsenigo), meglio riprendere la progettazione definitiva già pagata (Como-Albese), rivederne le analisi geologiche e geofisiche che avevano portato all'aumento dei costi fino ai 859milioni già citati e valutare se sia o meno possibile ridurne l'importo. Soltanto qualora



Nessun commento

Torna ai contenuti | Torna al menu