Alberto il Coach - Alberto Gaffuri

Vai ai contenuti

Menu principale:

Alberto il Coach

Alberto il Coach
Quella del coach è l'ultima frontiera della mia crescita umana e professionale. Ho iniziato a lavorarci nell'autunno del 2015, coinvolto in un gruppo di professionisti che, dopo mesi di intenso lavoro, si è formato per dare il proprio contributo a quanti il loro obiettivo ce l'hanno dentro, ma per condizionamenti vari non riescono a esprimerlo compiutamente.
Spesso e volentieri basta un niente a fermarci, a farci credere di non essere in grado di fare, a farci accantonare l'ambizione di provare a essere diversi, più completi, più soddisfatti, più sereni.
Da questa consapevolezza è nata in me l'idea di addentrarmi in un processo che si è ben presto trasformato in un continuo divenire, un perpetuo rimettersi in discussione, esplorare pensieri da angolature in precedenza mai percorse, guardarsi con occhi meno statici di quelli che, fino a ieri, m'hanno impedito - e negano a molti di noi - di puntare alto per evitare di essere sopraffatto da una quotidianità che fiacca più di quanto sorregge. Diventare "life coach" è stato il passo successivo. Mi piace pensare che, se ho capito come fare, spiegarlo ad altri non è che il modo per rendermi davvero utile.


“Quello che conta non è la volontà di vincere: quella ce l'hanno tutti. Ciò che conta è la volontà di prepararsi a vincere” (Robin Bryant)
 
Torna ai contenuti | Torna al menu